Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo

E' atteso un finanziamento di oltre 1 milione per la ristrutturazione della scuola media

Scuola Media AgiraAGIRA. Un intervento di ristrutturazione da 1 milione e 250mila euro interesserà la scuola Media “Diodoro Siculo” di Piazza Europa grazie ad un progetto elaborato dagli ingegneri dell’Ufficio Tecnico Comunale Guido Gagliano e Alessandro Buscemi che è stato approvato in via esecutiva ed è stato inviato a Palermo dove concorrerà per un finanziamento europeo nell’ambito del progetto “Scuole Sicure”. L’unica scuola media inferiore del paese, costruita negli anni 60’, sarà dunque soggetta al primo intervento strutturale per garantire piena sicurezza ai giovanissimi studenti agirini. Finora infatti gli unici lavori eseguiti avevano riguardato l’adeguamento alle norme antincendio, l’eliminazione delle barriere architettoniche, l’installazione dell’ascensore e piccoli interventi di manutenzione al tetto e ai locali. Un recente finanziamento di altri 100mila euro della Protezione Civile che è già in fase di gara, permetterà inoltre la sistemazione della palestra e di qualche altro locale dell’edificio. I lavori da oltre un milione riguarderanno invece la bonifica strutturale di solai e pilastri, la ristrutturazione dei servizi igienici, il miglioramento di tutto l’impianto elettrico e la creazione di un nuovo impianto di rete internet. Inoltre si punterà all’efficientamento energetico dell’edificio scolastico: «in pratica-spiega il dirigente dell’Ufficio Tecnico ing. Guido Gagliano-sostituiremo tutti gli infissi interni ed esterni ed useremo per le pareti il cosiddetto “intonaco a cappotto” con materiale ecosostenibile, il fine è quello di consumare meno energia rendendo la struttura meno permeabile al freddo invernale ed al caldo estivo. Siamo molto fiduciosi per il finanziamento che dovrebbe arrivare già in estate-prosegue Gagliano-in quel caso si predisporrebbe al più presto la gara ad evidenza pubblica in modo da iniziare i lavori entro fine anno». Il progetto dimostra l’attenzione dell’amministrazione comunale del sindaco Maria Greco per le problematiche del mondo della scuola. E’ infatti recente anche l’intervento di messa in sicurezza del plesso di San Pietro della scuola primaria e sono stati garantiti la mensa scolastica ed il trasporto degli alunni residenti nelle campagne nonostante il Comune abbia ereditato un notevole carico debitorio dalla precedente amministrazione. (*LC*) Luca Capuano

StampaEmail

Manutenzione impianto elettrico del campo sportivo A. Valenti

Campo SportivoAGIRA. Sta per essere posto l’ultimo tassello per garantire la piena agibilità del campo sportivo comunale “Angelo Valenti.” L’amministrazione comunale ha infatti assegnato all’associazione “Us Agira” 1400 euro necessari alla manutenzione e revisione dell’impianto elettrico del campo che ospita le gare interne della squadra di calcio locale che milita nel campionato di Prima Categoria. Tra il Comune e l’associazione sportiva esiste già dallo scorso 15 maggio una convenzione che prevede che la società calcistica riceva i contributi provvedendo poi per proprio conto con ditte specializzate all’esecuzione dei lavori necessari. E così negli ultimi mesi l’amministrazione del sindaco Maria Greco attraverso l’assessore allo sport Nicola Cavallaro ha finanziato una serie di interventi richiesti dalle normative vigenti per garantire l’agibilità degli spogliatoi e della tribuna per il pubblico di casa e per gli ospiti. In particolare il portone principale è stato dotato di maniglioni antipanico ed è stata creata un’altra uscita di sicurezza in uno degli angoli nei pressi del rettangolo di gioco. E’ stato creato uno spazio per gli ospiti che usufruirà di bagni preesistenti mentre sono stati realizzati ex novo i servizi igienici per il pubblico di casa che avrà più spazio in tribuna visto che è stata eliminata una grossa vasca di riserva. Con una spesa intorno ai 5000 euro è stata inoltre posta una parete divisoria in metallo tra i due settori. Intervento importante anche negli spogliatoi dove è stato sistemato il controsoffitto. Per adeguare l’impianto l’amministrazione ha investito circa 13mila euro e adesso si potrà chiedere alla Commissione Pubblici Spettacoli l’autorizzazione per poter ospitare fino a 200 spettatori. La società spera che i lavori all’impianto elettrico possano concludersi a breve. Finora infatti i tifosi ospiti non sono potuti entrare allo stadio ed in alcuni casi nemmeno quelli di casa visto che per ogni gara si è dovuta inoltrare una richiesta di deroga al regolamento. (*LC*) Luca Capuano

StampaEmail

In cantiere la costruzione del centro comunale di raccolta dei rifiuti

Centro Raccolta RifiutiAGIRA. Una recente deliberazione del consiglio comunale su input dell’amministrazione pone le basi per la costruzione di un Centro Comunale di Raccolta dei rifiuti (C.C.R). Il civico consesso ha infatti varato una integrazione al Piano Regolatore Generale (che è in via di approvazione definitiva) per individuare una nuova area da destinare alla raccolta di carta, vetro e plastica per far ripartire in paese la raccolta differenziata. La zona scelta precedentemente era infatti fuori dal centro abitato (contrada Terra Rossa) e l’amministrazione ha deciso un cambio di rotta per facilitare il processo di raccolta andando ad individuare un’area ricadente tra via Pertini (interamente di proprietà del comune) e via De Gasperi (a metà tra il comune ed una ditta). Durante la seduta il consigliere Fascetto ha fatto notare l’eccessiva vicinanza dell’area al Centro di Esposizione dei prodotti tipici locali ma l’assessore al ramo Franco Palermo ha chiarito che nel C.C.R non verranno conferiti rifiuti organici. L’umido verrà raccolto in altre aree e l’assessore ha già richiesto all’Ato di fornire gli appositi contenitori. Dunque il punto è passato con 10 voti favorevoli ed un solo astenuto e adesso si può iniziare a porre le basi per la costruzione della struttura. Basi ben solide visto che il Comune guidato dal sindaco Maria Greco ha già partecipato ad un bando del Comae ottenendo un finanziamento da 85mila euro per costruire una tettoia dove poter raccogliere la carta. Per plastica e vetro verranno invece usati dei container metallici che poi saranno trasportati nei centri di riciclaggio. «Per questi ultimi al momento non ci sono bandi -afferma l’assessore Palermo- dunque prevediamo di utilizzare i fondi regionali già previsti nel piano triennale delle opere pubbliche. Comunque-chiarisce l’assessore- non vorremmo investire più di 100mila euro. Auspichiamo infatti che al più presto entri in funzione il centro di Gagliano che è pronto da diversi anni». (*LC*) Luca Capuano

StampaEmail

Pubblicati bandi per la manutenzione delle strade provinciali 18 e 21

manutenzione-stradeAGIRA. Il Libero Consorzio Comunale di Enna ha pubblicato i bandi di gara per i lavori di manutenzione straordinaria della SP 18 Agira -Nicosia zona nord-ovest e per i lavori di manutenzione per la messa in sicurezza di alcuni tratti con maggiore criticità della SP 21 Agira-Stazione Raddusa. Si inizia dunque a tappare qualche buca per dare un aspetto almeno accettabile ad una viabilità colabrodo che fa arrabbiare tantissimi pendolari. Il più ingente è l’intervento sulla sp 18 che ha un importo a base d’asta di 160.682 euro mentre abbastanza esiguo è quello che riguarda la sp 21 con soli 25.848 euro. Entrambe le arterie necessitavano di un intervento manutentivo visto che la sp 21 collega tanti paesi della zona nord della provincia all’autostrada 19 Palermo -Catania mentre la strada per Nicosia nonostante la chiusura del tribunale mantiene un notevole flusso veicolare costituendo ancora un legame importante tra la zona meridionale e settentrionale dell’isola. Infatti non ci sono novità nell’immediato riguardanti la telenovela dell’autostrada Nord-Sud che si attende ormai da 30 anni e sono in divenire i lavori alla disastrata Agira -Gagliano. Per entrambi i bandi la stazione appaltante è l’ex Provincia regionale di Enna che ha stabilito che i lavori dovranno essere eseguiti entro 90 giorni dalla data di consegna degli stessi. Per la sp 18 i plichi con le offerte dovranno essere presentati entro le 9 del 21 marzo e il giorno dopo alla stessa ora verranno aperte le buste. Per la sp21 il termine è alle 9 del 6 aprile con apertura delle buste il giorno dopo alla stessa ora. «Si tratta di interventi manutentivi normali -afferma il dirigente del 4° settore Lavori Pubblici della Provincia Giuseppe Colajanni – verranno eseguiti lavori di asfaltatura, sistemazione cunette e si cercherà di eliminare grosse buche per garantire più sicurezza agli automobilisti. Si tratta-prosegue- di un bando aperto a chiunque, anche aziende estere e di solito per questo tipo di bandi riceviamo tantissime adesioni. Per adesso -conclude l’ing. Colianni- stiamo facendo questi piccoli interventi di urgenza ma speriamo a breve di ricevere buone notizie su finanziamenti di grossa portata nell’ordine di milioni di euro». (*LC*) Luca Capuano

StampaEmail

Presepe Vivente di Agira Edizione 27

Agira rivive per la ventisettesima volta il mistero della Nascita di Gesù con la rappresentazione del Presepe Vivente. In una magica atmosfera, nella parte alta del paese, la Notte di Natale le strade si popolano di pastori, soldati, e figuranti che ripropongono gli antichi mestieri. Come a Betlemme dove Giuseppe e Maria arrivano per il censimento e dopo aver girato per il villaggio alla ricerca di un alloggio trovano riparo in una grotta, ai piedi del castello, e dinnanzi alla grotta meta dei pastori e dei magi, numerosi visitatori hanno rivissuto l'armonia e lo stupore di quella Notte di oltre duemila anni fa. Vi proponiamo il video e le foto realizzate la notte del 24 dicembre 2015.

StampaEmail

Natale in famiglia per 350 bambini bosniaci - Sabato 19 Dicembre

11990564 508409792652244_4164736411853104720_nSi terrà sabato 19 dicembre alle 9:30 presso il padiglione fieristico di Agira la 46a festa di accoglienza per i bambini bosniaci che saranno ospitati dalle famiglie associate al Cordinamento Regionale Volontariato e Solidarietà O.n.G. “Luciano Lama”

L’associazione che porta il nome di Luciano Lama, partigiano e politico italiano, segretario della CGIL dal 1970 al 1986, è nata nel  dicembre del 1992 presso la sede della C.G.I.L. di Enna quando, mentre la penisola balcanica veniva dilaniata dalla guerra civile e i media trasmettevano immagini di guerra, morte e disperazione, in stridente contrasto con l’atmosfera natalizia dei nostri territori, un gruppo di associati del sindacato ennese decise che era necessario mobilitarsi per dare un contributo di puro volontariato al fine di alleviare le sofferenze dei soggetti più deboli coinvolti nel conflitto jugoslavo.

L’associazione è pian piano cresciuta fino a diventare nel 1998 un Coordinamento Regionale, durante la sua attività ha collaborato con numerosi interventi di emergenza (convogli umanitari con beni di prima necessità, vestiario e medicine), cooperazione allo sviluppo (costruzione di un forno, di due caseificio, centro infanzia multietnico, centri polifunzionali per bambini, laboratori di ceramica, centri sociali, laboratori di sartoria e sale informatiche).

Scopo ultimo dell’associazione è il superamento dell’odio tra religioni e minoranze etniche investendo sui bambini e sui giovani, a tal fine l’associazione organizza da ormai 23 anni un progetto di accoglienza per bambini provenienti dalle tre maggiori etnie (Ortodossi - Cattolici e Musulmani), orfani o provenienti da famiglie disagiate , con l’obiettivo ultimo di creare rapporti di amicizia profondi e duraturi nel tempo che aiutino questi bambini meno fortunati a superare i traumi e gli effetti lasciati sulle loro vite dalla guerra.

Saranno 5 i bambini ospitati da 4 famiglie agirine (sono 350 in totale) per circa un mese nel periodo natalizio (con la possibilità di ripetere l’esperienza per 40 giorni in estate) con la collaborazione e il sostentamento anche economico di numerose attività commerciali e di molti privati, accoglienza che potrà diventare duratura nel tempo anche con la possibilità di riospitare gli stessi bambini per rinsaldare e rafforzare il legame tra la famiglie e i bimbi bosniaci. 

Durante la permanenza le famiglie ospitanti si faranno carico di tutte le esigenze dei piccoli, cercando di promuovere e sviluppare l’integrazione degli stessi e tra gli stessi con la società affinché diventino, da adulti, alfieri di una società multietnica, solidale e perfettamente integrata.

Chiunque voglia intervenire e dare il proprio contributo, non soltanto economico, potrà recarsi al padiglione fieristico agirino Sabato 19 dicembre dalle 9.30 in poi. 

Lo staff di agira.org augura una buona permanenza ai bimbi bosniaci con l’augurio che tali iniziative di volontariato “puro” possano servire da esempio a tutta la nostra società, affinché si ricerchi la soluzione ai numerosi conflitti da cui è dilaniata nell’integrazione, nella collaborazione, nell’accoglienza e non nella verticalizzazione di posizioni estremiste che contribuiscono solo ad alimentare odio tra popoli, etnie e fedi religiose.

StampaEmail

Fine settimana all'insegna dell'Arte a "Case al Borgo"

10426232 933072233402606 5564006550508570724 nDue giorni full immersion, passati sulla sommità del Monte Teja, per imparare e riscoprire tecniche ad olio antiche e moderne, guidati dalle sapienti mani del maestro d'arte Calogero Termine.

12388042 1640510636212223 1621731827 nLa chiesa di Santa Maria sita nell'omonimo quartiere di Agira, oggetto da qualche anno di un paziente e sapiente percorso di recupero urbano da parte della struttura alberghiera "Case al Borgo", è stata la location ideale e probabilmente una delle principali fonti di ispirazione per gli allievi del "Maestro d'arte" sciacchitano, la chiesetta, infatti, è quasi incastonata nell'incantevole panorama che si può ammirare dalla cima del paesino diodoreo, con il  "Mungibeddu", leggendaria fucina del Dio Efesto e fonte di ispirazione per pittori e poeti dalla notte dei tempi, con la sua apparente tranquillità fermo a specchiarsi sul Lago Pozzillo, panorama arricchito in questi giorni da pennacchi, sbuffi e qualche tocco di rosso dato dell'eruzione in corso.

partecipanti2Arte nell'arte, a stretto contatto con i Maestri d'arte ed in botteghe artistiche itineranti, come continuazione di un progetto che è nato quest'estate con "L'invasione dei Cavalletti" sotto la direzione di Filippo Mauceri e Pina Angemi e che è destinato a continuare con altri workshop di pittura, scultura e restauro, sempre con la collaborazione attiva e fattiva dello staff della struttua alberghiera agirina Case al Borgo.

 

 

 

StampaEmail

Enna - COTAS: No alle scorie in provincia di Enna, argomentazioni scientifiche per dimostrare che il nostro territorio non è idoneo.

Si è tenuta Lunedì 7 Settembre 2015 presso il Centro Polifunzionale del Comune di Enna la conferenza "Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi e Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI)", organizzata dal "COTAS", Comitato Tutela Ambiente e Salute di Enna. A relazionare sul tema il presidente dell'associazione Tonino Palma che ha cercato di fare il punto della situazione, ribadendo il fatto che ad oggi, la CNAPI e i relativi studi sulle aree potenzialmente idonee effettuati dalla SOGIN siano ancora coperti da segreto di stato e che quindi in questa fase ci si muove preventivamente sulla base delle indiscrezioni trapelate tramite gli organi di stampa che vorrebbero il territorio ennese, ed in particolare i giacimenti di Assoro-Agira, Salinella e Resuttano, probabilmente candidati ad ospitare le scorie nucleari a bassa radiattività provenienti dalle attività mediche di tutto il territorio nazionale, e quelle ad alta, media e bassa attività provenienti dal "decommissioning" delle centrali nucleari non più in funzione. Il governo nel 2010, con il decreto 31/2010 conferì l'incarico alla SOGIN di effettuare i lavori di studio e quindi di realizzazione del "Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi" in virtù di una volontà politica di ritorno allo sfruttamento dell'energia nucleare, volontà bloccata sul nascere dal referendum del 2011 che ribadisce e conferma la ferma intenzione della popolazione italiana di non sfruttare l'atomo come fonte di energia.
Nonostante l'abbandono, speriamo stavolta senza ripensamenti politici, dell'energia atomica da parte dello stato italiano, rimane il problema e la necessità di trovare una collocazione e un modo per gestire i rifiuti che sono stati prodotti negli anni dalle centrali nucleari in attività prima del referendum del 1987 (Trino, Caorso, Montalto di Castro, Latina e Sessa Aurunca), dai reattori nucleari militari (impianto CISAM di San Piero a Grado in provincia di Pisa), dagli impianti ENEA di Salluggia (EUREX) , Rotondella (ITREX) , OPEC e IPU di Roma, dai reattori sperimentali ESSOR e Ispra della CCR Euroatom,  dai reattori installati nelle università italiane a scopo di ricerca (Pavia, Palermo, Cagliari, Milano), dai reattori sperimentali dell'ENEA Tapiro e Triga di Casaccia dall'impianto Sogin di Bosco Marengo , da tutti i presidi ospedalieri che hanno un reparto di medicina nucleare (TAC, PET ecc) e per ultimo da tutti i depositi temporanei tuttori attivi o chiusi nel corso del tempo in Italia ( Avogrado Sallugia, NUCLECO Casaccia, Campoverde di Milano e Tortona, CEMERAD di Statte, PROTEX di Forlì, SIGURAD di Palermo, SORIN di Salluggia).  Nel 2003 la SOGIN effettuò degli studi individuando come territorio idoneo ad ospitare tale deposito il sito di Scanzano Ionico (questo dovrebbe essere lo studio Sogin 2003) ma vi fù una forte ed organizzata ondata di proteste che fece sì che il progetto venisse prima abbandonato e poi rinviato a data da destinarsi, la critica maggiore che fu rivolta allora a Sogin fu quella di aver deciso senza il coinvolgimento della popolazione locale.
Per far si che non si ripeta tale eventualità la Sogin ha previsto un percorso di trasparenza che sembrerebbe voler coinvolgere preventivamente nell'individuazione delle aree la popolazione come si indicava già nel 2009 in questo studio dell'ENEA, tuttavia qualora i vari passaggi previsti per il coinvolgimento della popolazione dovessero fallire sarà il consiglio dei ministri pro-tempore ad avere l'ultima parola sulla scelta del sito.
Di rinvio in rinvio si è arrivati fino ad i nostri giorni, alla calda estate 2015 quando, forse solo per coincidenza in contemporaneità, spot nazionali atti ad informare la popolazione predisposti dalla Sogin, e indiscrezioni di stampa hanno riportato alla ribalta il tema del Deposito Unico e le problematiche ad esso connesse. 
Il presidente Tonino Palma comunica anche di aver ricevuto la disponibilità del presidente di SOGIN, Giuseppe Zollino, a tenere un incontro con la popolazione ennesse per spiegare gli eventuali "vantaggi" che ricadrebbero sul territorio che eventualmente ospiterebbe il Deposito Nazionale di Scorie, lo stesso Zollino, secondo quanto riferisce Tonino Palma, non si sente per nulla preoccupato da quanto sta succedendo nei nostri territori, anzi, si mostra sicuro del fatto che valutati rischi e vantaggi, per Sogin sarà difficile scegliere tra i tanti territori che avanzeranno una candidatura spontanea. Sarà così? Speriamo vivamente di no, intanto i comuni dell'ennese proseguono a dichiararsi "denuclearizzati", e gli amministatori sembrano tutti concordare in un no all'unisono alle scorie, potrà l'investimento quantificato da Sogin in circa 1,5 miliardi di euro, di cui 650 milioni di euro (43%) per la localizzazione, progettazione e costruzione della struttura, 700 milioni di euro (47%) per infrastrutture interne ed esterne e 150 milioni di euro (10%) per la realizzazione del Parco Tecnologico far cambiare idea a qualche amministatrore locale? Nuovamente ci auguriamo vivamente di no.

La seconda parte della conferenza vede l'intervento di Giuseppe Maria Amato, in rappresentanza del Circolo Legambiente deglie Erei, che ha affrontato punto per punto tutti i "casi di esclusione" previsti dalla Guida 29 predisposta dall'Ispra per la scelta delle "Aree potenzialmente idonee" cercando di confutare scientificamente ogni possibilità che il territorio dell'ennese possa soddisfare tutti i requisiti richiesti dallo Stato per mezzo di Ispra. 
Durante la disamina Amato rimarca anche il fatto che Sogin stessa, come potete visonare voi stessi nel "probabile studio Sogin", escludeva il territorio ennese, e lo escludeva dopo aver effettuato dispendiosi e sicuramente validi studi scientifici sul territorio. 
Amato sottolinea che tuttavia tali studi sono stati effettuati nell'eventualità della realizzazione di un deposito di profondità, e che quindi potrebbero non risultare validi nel caso in cui il progetto di deposito oggetto del contendere sia di superfice. A margine della manifestazione Giuseppe Amato ci concede un intervista in cui affronta  tali temi ed esprime la propria opinione, sia in veste di esponente di Legambiente, sia come ex amministratore (Assessore e Consigliere Provinciale), sulle indiscrezioni che sembrerebbero essere scaturite da rivelazioni di documenti coperti da segreto.

La terza parte della conferenza che non vi proponiamo in video, è stata incentrata sui risultati ottenuti fin qui dal comitato "No Muos", su questo tema hanno relazionato l'avvocato Nicola Giudice in teleconferenza da Palermo e Salvatore Giordano e Angelo Barberi, sottolineando i successi fin qui conseguiti dal comitato e la strategia comunicativa dei media nazionali atta a sminuire le azioni e i successi del comitato "No Muos".

Il COTAS in concerto con Legambiente, intende quindi proseguire per la strada di una campagna informativa atta a informare preventivamente il cittadino sui rischi e sulla pericolosità di un eventuale deposito di scorie radiattive in provincia o comunque sul territorio siciliano, portando parallelamente avanti un lavoro di studio scientifico che dimostri la non conformità del territorio ai requisiti richiesti dal ministero dell'ambiente e da Ispra.

Chi scrive e tutta la redazione di Agira.org, continueranno a mantenere alta l'attenzione su questa tematica, cercando di fornire nei limiti del possibile il nostro contributo per informare correttamente e sensibilizzare i cittadini senza allarmismo, ribadiamo e ricordiamo a chi ci legge che al momento tutto si basa su "indiscrezioni" di stampa e che la pubblicazione ufficiale della CNAPI è stata rimandata a data da destinarsi dal ministro perchè "Abbiamo ritenuto con il Mef di fare altri approfondimenti. Non e' facile fare una mappa dei siti idonei per ospitare il deposito unico nazionale" cosi si esprime il Ministro dell'Ambiente Galletti (fonte corriere della sera), e che quindi fino ad allora nessuno può darvi alcuna certezza sull'eventualità che sia l'ennese il territorio deputato ad accogliere il deposito nazionale.
Esprimiamo il proprio consenso verso il lavoro di informazione scientifica portato avanti da COTAS e Legambiente, affinchè ci sia una presa di posizione forte sia della popolazione sia della classe politica che ci rappresenta, in modo da poter scongiurare preventivamente anche la minima possibilità che il nostro territorio sia destinato a diventare la "pattumiera nucleare d'italia".

 

StampaEmail

Giornata europea della cultura ebraica ad Agira - La rinascita della Sinagoga e del suo Aron

Locandina Giornata Europea della Cultura Ebraica

Il 6 settembre 2015 si terrà in tutta europa la sedicesima edizione della "Giornata europea della cultura ebraica" che quest'anno ha come slogan "Ponti & Attraversamenti".  La manifestazione che ha come fine la promozione della tradizione e della cultura ebraica si propone di far conoscere e riscoprire musei, quartieri, sinagoghe, "giudecche", siti storici e percorsi.  Nel corso dei secoli la comunità ebraica ha vissuto nei vari stati europei, spesso integrata completamente con le popolazioni, altre volte, invece, vittima di discriminazione e di vessazioni, lasciando traccia della propria presenza nel campo architettonico, culturale, artistico e storico, la riscoperta e la rivalutazione di queste tracce è lo scopo della giornata di domenica.

Agira si inserisce a pieno titolo nella giornata europea poichè vanta la conservazione quasi intatta, all'interno della chiesa del S.S. Salvatore, di un Aròn ha Kodesh, uno dei pochi, e sicuramente l'unico per l'europa, esemplare in pietra, simbolo di una presenza forte della comunità ebraica nel paesino ennese e simbolo anche di una comunità stanziale e fortemente radicata nel territorio, gli "Aròn" infatti, che servivano a custodire i rotoli con la "Sefer Torah" o "rotoli della legge", venivano solitamente realizzati in legno poichè in caso di necessità di spostamento della comunità potevano facilmente essere smontati e trasportati, la presenza di un Aròn in pietra indica, quindi, la presenza di una comunità ebraica che non necessitava di spostamenti, quindi si presuppone pienamente integrata con la popolazione locale e non invisa ne ghettizzata dalla stessa.

L'evento di Domenica 6, organizzato da Baruch Triolo e Attilio Funaro e dalla Proloco di Agira, con la collaborazione dell'opera pia "Casa Diodorea" e del Comune di Agira, sarà anche l'occasione per presentare al pubblico il progetto di restauro e di rinascita della Sinagoga di Agira e del suo Aròn. Durante la giornata dopo l'accoglienza a cura delle autorità politiche e la visita all'Aròn ed ai resti della sinagoga si terrà una tavola rotonda che prevede l'intervento di Baruch Triolo, presidente della Charta de la Judeche; Attilio Johel Funaro, Presidente dell'IICE; Nicolò Buccaria esperto di cultura ebraica in sicilia; dell'Arch. Alfio Musumeci, redattore del progetto per il restauro dell'Aròn; Massimo Melli, autore del libro "Il Talmud di Scicli"; del Prof. Giovanni Senfett come rappresentate della Proloco di Agira; il convegno oltre a presentare il progetto di restauro e la storia dell'Aròn stesso, metterà in evidenza anche i vantaggi in termini di sviluppo turistico per il paese ennese ed il circondario.

Tema principale della giornata a livello europeo è "Ponti & AttraversaMenti"  la comunità ebraica si propone di  dare un segnale culturale forte di netto contrasto ai sentimenti di odio e persecuzione verso i diversi, gli stranieri, gli immigrati (tema tanto di attualità in questi giorni), gli episodi di razzismo e antisemitismo purtroppo ancora oggi fortemente presenti e radicati nella nostra società. L'Unione delle Comunità Ebraice italiane vuole quindi utilizzare la cultura come strumento principale per difendere e raccontare i propri valori e costruire ponti ed integrazioni tra comunità e popolazioni.


Vi invitiamo quindi a presenziare alla visita guidata dell'Aròn, dei resti della sinagoga ed alla tavola rotonda e ci auguriamo che questo spirito di integrazione che sembra così fortemente radicato nella comunità ebraica europea possa attraversare le sponde del mediterraneo per raggiungere i territori israeliani e palestinesi e che possa finalmente contagiare i governanti di entrambe le popolazioni affinchè anche in quella terra martoriata possano nascere "Ponti & AttraversaMenti" e non più muri e recinti, non più strisce di territori ma una completa e pacifica integrazione tra popoli.

Programma della manifestazione:

Ore   9:30  - Accoglienza presso Aula Consiliare "Peppino Impastato"
Ore 10:30  - Visita Aròn ha Kodesh - Chiesa S.S. Salvatore
Ore 11:30  - Concerto dell'orchestra da camera "Eco" di Enna - Chiesa S.S. Salvatore
Ore 12:30  - Visita dei resti della Sinagoga
Ore 13:30  - Lunch break
Ore 16:00  - Visita Museo Cultura Materiale "Sac. Silvestro Nasca"
Ore 17:30  - Coffe break
Ore 18:00  - Tavola Rotonda: "Ponti tra passato e presente: la rinascita della Sinagoga di Agira e del suo Aròn

 

 

StampaEmail

Altri articoli...